Il conte di Montecristo — murmuris
18272
post-template-default,single,single-post,postid-18272,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.1.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.1,vc_responsive
Il Conte di Montecristo

Il conte di Montecristo

Catalyst
Versiliadanza

Il Conte di Montecristo

Sabato 18 Marzo
h 21.00
Teatro Cantiere Florida

Via Pisana, 111r - Firenze

055 7135357

prenotazioni@teatroflorida.it

Scena Libera – Riflessioni dal carcere

Un progetto realizzato con il patrocinio del Comune di Firenze

di Italo Calvino
con Riccardo Rombi e Angela Torriani Evangelisti

Montecristo, ultimo dei racconti deduttivi de “Le Cosmicomiche” di Italo Calvino, diventa una partitura per attore, voce e movimento. I corpi traducono le parole del racconto attraverso geometrie nello spazio, fino a ricreare la fortezza di IF sull’isola di Marsiglia, nella quale il conte di Montecristo è imprigionato. I suoi tentativi di fuga sono un flusso ininterrotto di pensieri e di immagini, di calcoli e ipotesi, di riflessioni e soluzioni per evadere insieme al suo compagno di prigionia, l’abate Faria, suo alter ego, che scava ininterrottamente cunicoli e gallerie, alla ricerca di uno spiraglio o d’una via di evasione. In un crudele gioco delle probabilità di fuga da una vita/fortezza, Calvino/Montecristo scrive alcune tra le pagine più intime e più lucide della sua produzione letteraria.