DAL CARCERE — murmuris
18247
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-18247,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.1.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.1,vc_responsive

Compagnia di Sollicciano
Krill Teatro

Dal Carcere

Martedì 14 Marzo
h 21.00
Casa Circondariale di Sollicciano - Scandicci

Via Girolamo Minervini, 2r

055 7135357

prenotazioni@teatroflorida.it

Scena Libera – Riflessioni dal carcere

Un progetto realizzato con il patrocinio del Comune di Firenze

uno spettacolo della Compagnia di Sollicciano e di Krill Teatro
regia Elisa Taddei
con gli attori della Compagnia di Sollcciano
assistenti alla regia Luana Gramegna Luana Ranallo
voce off Oscar De Summa
coordinatore allestimento Francesco Givone
scene Salvatore Menzo, Omar Mohamed, Angelo Nenna
costumi Roselì Gercilia Pereira
luci Andrea Narese
fonica Armand Arapi
foto Alessandra Cinquemani
video proiezioni  Corrado Ravazzini
realizzato con il sostegno della Fondazione Carlo Marchi

Negli ultimi anni il nostro lavoro teatrale si è confrontato con “questioni” che ogni volta ci sono apparse urgenti, attuali, che ci avrebbero permesso di entrare in comunicazione con il mondo “di fuori”. In questa ricerca ci siamo affidati ad opere e testi di teatro per parlare del rapporto tra uomo e donna, genitori e figli, immigrazione, sete di potere.

Mancava il carcere.
Non lo abbiamo mai affrontato direttamente; ci siamo allineati senza volere con quello che sta accadendo nel nostro paese: la questione “carcere” rimane un argomento di cui se ne parla ancora troppo poco. Questo lavoro è dunque anch’esso figlio di una necessità; raccontare a chi sta fuori come funziona o non funziona il carcere in Italia; cosa vuol dire vivere in un luogo che di fatto a tutt’oggi sembra avere difficoltà a rispettare la sua funzione rieducativa, raccontandolo attraverso lo sguardo di chi è detenuto, di chi, di questo luogo, è il protagonista principale. Abbiamo lavorato interrogandoci molto, oltre che su cosa raccontare anche sulla forma che avremmo dovuto dare a questo spettacolo che in particolare, forse più di altri, guarda a Brecht e al suo teatro epico. Abbiamo chiesto a Oscar De Summa di fare da guida e attraverso la sua voce, proveremo a portare gli spettatori ancora più dentro queste mura; oltre il teatro, oltre lo spettacolo.

Il progetto “Teatro a Sollicciano”, accolto dalla Direzione del Carcere di Firenze, nasce nell’ottobre del 2004 sotto la guida di Elisa Taddei. Nel 2004 viene approvato dal Coordinamento Teatro e Carcere, promosso dalla Regione Toscana, a cui aderiscono le principali realtà artistiche che operano nel settore teatro e carcere, presenti sul territorio regionale. Da allora, la compagnia di attori detenuti del carcere di Sollicciano ha prodotto ogni anno uno spettacolo nuovo. A partire dal 2005 questo progetto viene sostenuto dalla Fondazione Carlo Marchi, che opera “per la diffusione della cultura e del civismo in Italia ” e dal Comune di Scandicci.
Fino ad oggi la Compagnia di Sollicciano ha realizzato quindici spettacoli, risultato di percorsi annuali di lavoro e ad essa hanno partecipato più di duecentosettanta detenuti tra attori, scenografi, assistenti al suono e alle luci. Negli ultimi anni la compagnia è riuscita ad ottenere i permessi per uscire dal carcere e ha potuto presentare i suoi lavori in teatri come il Ridotto del Teatro Comunale, il Teatro del Cestello, il Teatro Everest, il Teatro Studio di Scandicci.