La vita ferma — murmuris
18277
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-18277,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.1.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.1,vc_responsive

Sardegna Teatro
Teatro Stabile dell’Umbria

La vita ferma
Sguardi sul dolore del ricordo

Giovedì 23 Marzo
h 21.00
Teatro Cantiere Florida

Via Pisana, 111r - Firenze

055 7135357

prenotazioni@teatroflorida.it

drammaturgia e regia Lucia Calamaro
con Riccardo Goretti, Alice Redini, Simona Senzacqua
assistenza alla regia Camilla Brison Giorgina Pilozzi
scene e costumi Lucia Calamaro
contributi pitturali Marina Haas
accompagnamento e distribuzione internazionaleFrancesca Corona
una produzione Sardegna Teatro, Teatro Stabile dell’Umbria
in collaborazione con Teatro di Roma, Odéon – Théâtre de l’Europe
La Chartreuse – Centre national des écritures du spectacle e il sostegno di Angelo Mai, PAV

«La vita ferma è un dramma di pensiero. La sua gestazione ha avuto in me i tempi faticosi della rivelazione lenta e sommersa, abbordando quel dramma che il pensiero non sa, non vuole, non può gestire. Per arrivare a centrarne il “dramma di pensiero” ho buttato via più materiale di quello che resta. La vita ferma è dunque uno spazio mentale dove si inscena uno squarcio di vita di tre vivi qualunque – padre, madre, figlia – attraverso l’incidente e la perdita. È occorso anche qualche inceppo temporale ad uopo, incaricato di amplificare la riflessione sul problema del dolore del ricordo e sullo strappo irriducibile tra i vivi e i morti che questo dolore è comunque il solo a colmare, mentre resiste».

Lucia Calamaro