Malesigu — murmuris
18260
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-18260,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.1.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.1,vc_responsive

Compagnia di Sollicciano
Krill Teatro

Malesigu

Mercoledì 15 Marzo
h 18.30
SALA LUCA GIORDANO, SALA DEGLI SPECCHI

Palazzo Medici Riccardi, Via Cavour - Firenze

055 7135357

Ingresso gratuito

Scena Libera – Riflessioni dal carcere

Un progetto realizzato con il patrocinio del Comune di Firenze

di e con Massimo Bono
regia di Elisa Taddei
produzione Krill Teatro

Malesigu in dialetto sardo vuol dire maligno bizzarro, irrequieto, vivace.
Con questo appellativo vine chiamato da bambino il protagonista. Malesigu è uno spettacolo biografico che racconta la storia di Massimo Bono, attore detenuto della Compagnia di Sollicciano che decide di parlare della sua infanzia e di raccontarla così come è stata, fatta di lotte, fughe, punizioni, vendette. Il filo della narrazione è teso e attraverso la memoria del racconto si assiste al tentativo di dare un senso a chi sono io oggi.
L’attore riporta in vita gli altri personaggi di questa storia, il padre, la nonna, la maestra, gli amici di infanzia, i compagni di scuola; grazie alle loro voci il tono drammatico della narrazione trova, nell’ironia, un respiro.
Un lavoro teatrale che mescolando il dialetto sardo alla lingua italiana, ci parla anche di un mondo fatto di tradizioni e credenze popolari. Lo spettacolo vuole trasformare la materia biografica, incandescente e segreta, quale è l’infanzia dell’attore, in un racconto poetico “ che prova a dare corpo a qualcosa che non riusciamo a padroneggiare del tutto, ma verso cui siamo attratti perché sentiamo che v’è un che di irrinunciabile”.