Come un granello di sabbia — murmuris
18268
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-18268,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.1.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.1,vc_responsive

Mana Chuma Teatro

Come un granello di sabbia
Giuseppe Gulotta, storia di un innocente

Venerdì 17 Marzo
h 21.00
Teatro Cantiere Florida

Via Pisana, 111r Firenze

055 7135357

prenotazioni@teatroflorida.it

Scena Libera – Riflessioni dal carcere

Un progetto realizzato con il patrocinio del Comune di Firenze

SELEZIONE PREMIO IN-BOX 2016

testo e regia Salvatore Arena,Massimo Barilla
con Salvatore Arena
scene Aldo Zucco
musiche originali Luigi Polimeni
disegno luci Stefano Barbagallo
equipe tecnica di scenografia Antonino Alessi,Grazia Bono,Caterina Morano
assistente alla regia Ylenia Zindato
consulenza storica Giuseppe Gulotta, Nicola Biondo
autori del libro Alkamar – La mia vita in carcere da innocente
co-produzione Mana Chuma Teatro,Fondazione Horcynus Orca, Horcynus Festival ’15
in collaborazione con La P.E.C, Giusto Processo
con il sostegno di Provincia di Reggio Calabria, Comune di Reggio Calabria, Comune di Bova

A diciotto anni Giuseppe Gulotta, giovane muratore con una vita come tante, viene arrestato e costretto a confessare l’omicidio di due carabinieri ad Alkamar, una piccola caserma in provincia di Trapani. Il delitto nasconde un mistero indicibile: servizi segreti e uomini dello Stato che trattano con gruppi neofascisti, traffici di armi e droga. Per far calare il silenzio serve un capro espiatorio, uno qualsiasi. Gulotta ha vissuto ventidue anni in carcere da innocente e trentasei anni di calvario con la giustizia. Non è mai fuggito, ha lottato a testa alta, restando lì come un granello di sabbia all’interno di un enorme ingranaggio.

Fino al processo di revisione (il decimo, di una lunga serie), ostinatamente cercato e ottenuto, che lo ha definitivamente riabilitato.